‘Mixture’ in Italian Libya: Gaps in Academic Literature and Public Memory

leggi in italiano

by Andrea Tarchi, Euromix PhD Researcher, 14 January 2019

General Graziani leading a military column into the oasis of Cufra during the final stages of the pacification of Cyrenaica (1931, anonymous author).

During the final stages of the “pacification” of the Libyan resistance to the Italian colonial rule, on May 17, 1932, General Rodolfo Graziani sent a circular for the repatriation of four Italian soldiers from his seat of Vice-Governor of Cyrenaica (one of the three administrative divisions of modern-day Libya, alongside Tripolitania and Fezzan) in Benghazi. In the same document, the General addresses also an issue that he apparently regards as greatly important:

“This ‘mabruchismo’ [relations of concubinage between Italian men and Libyan women, from the Arabic expression to indicate women, mabrukah] is one of the plagues that infested the colony. There are still some traces of it, or better still some nostalgia of it, however I intend to eradicate it completely. That is because, beyond political considerations (I refer to all the speculations that the indigenous world loves to do in regard to our relationship to their women), the only disciplinary side of it is sufficient to condemn it and deprecate it.”

Circular 2935, May 17, 1932.[1]

One of the main architects of Fascism’s colonial policies in Cyrenaica and Tripolitania, General Rodolfo Graziani was without a doubt the most trusted man by Mussolini in the military management of the Italian colonies. Nicknamed “the butcher of the Fezzan” because of his use of violence in the repression of the Libyan resistance, Graziani perfectly embodied the totalitarian political paradigm of Fascism, as he deeply believed in the hierarchical structures of power of the Fascist government and enforced its political will ruthlessly. What appears to be so relevant in this short excerpt of the circular is therefore the level of anxiety that such a key personality in the history of fascist colonialism attaches to the phenomenon of ‘mixed’ sexual relationships within the Libyan colonies.

But what was the real relevance of the phenomenon of ‘mixed’ relationships within the colonial world? Why is it so important to study its role within the Libyan context? This blog tries to answer these questions while underlying the reasons that brought me to start researching this topic and the hopes I have regarding the impact that such study could have on both the academic world and the Italian public debate over its colonial history.

Management of interracial sexuality in the academic literature

Far from being an isolated case, the management of sexuality in the colonies has always been one of the main points of concern for the European colonial elites in different parts of the world. Sexuality is in fact recognized as the fundamental field where differences of gender, race and class were constructed in the colonial political economy, while ‘mixture’ can be described as the very category that confuses such categories, therefore making their construction apparent. The many examples of research that has been conducted especially on the Dutch (Locher-Scholten[2], Stoler[3]), British (Levine[4]) and French (Taraud[5]) colonial contexts regarding the role of the management of sexuality and ‘mixture’, have empirically shown such fundamental ties between the creation of social hierarchies in our contemporary world and the production of colonial categories.

The relevance given by the academic tradition to the regulation of sexuality and ‘mixture’ in the colonial context appears to be true also for the historiography on Italian colonialism. The works of Sorgoni (1996[6]), Barrera (2002[7]) and on a smaller scale of Ponzanesi (2012[8]), focusing on interracial relationships in the colony Eritrea, represent important contributions in the field. However, there is no similar analysis done for the Libyan colonies, which seem to have been mostly ignored by the academic literature in this regard. Scholars engaged in the field of ‘mixture’ in the colonies have suggested that “in the Libyan colonies, apparently- as testified by the silences of archives, institutions and contemporary observers – there was not a consistent and widespread anxiety regarding ‘mixture’ and mixed children as it instead was in Eritrea first and Ethiopia next” (Spadaro 2013, 31[9]). However, the very creation of a specific term for the kind of concubinage that was typical of the Libyan colonies (‘mabruchismo’) indicates the undeniable widespread presence of the phenomenon. Furthermore, the strong feelings towards it of a man like Graziani surely convey the presence of at least some form of anxiety regarding it in the colonial ruling classes, an anxiety that most definitely lead to forms of regulation of the phenomenon

‘Mixture’ in colonial Libya and Italian national identity

Besides the already noticed evident research gap, it seems important to research the management of sexuality and ‘mixture’ in the Libyan context for several other important reasons. First of all, it is important to analyze how sexuality was managed in the colony in order to unveil the intertwining between the construction of colonial categories and the relations between the colony and metropole. This type of analysis has been carried out for the Italian Eastern African colonies, but not for Libya, implying that there is a piece of the puzzle missing from a thorough analysis of the colonial heritage of modern Italian society. An analysis of the management of ‘mixture’ in Libya, one that would relate its regulations to both the people involved in them and the way they were represented in the public discourse, could give an interdisciplinary outlook on the history of the Italian domination on the Libyan territories.

Moreover, by uncovering such weaving it would be possible to add another perspective to the role that the regulation of ‘mixture’ played in the construction of an ideal of Italian whiteness, relating it to the already studied Eritrean and Ethiopian contexts. Indeed, when Italy invaded Libya in 1911, the identification of the Italian nation with a specific race took hold of the collective imagination in a definitive manner. The racialized differences between North and South Italy that had plagued the Italian nations for the first decades of its existence were sedated under the repressive and centralized policies of the State. Re (2010, 10[10]) called the Libyan War a “turning point” for the assertion of the Italian national identity as white and modern, as it represented the first colonial enterprise framed as a demographic, almost proletarian expansion. As the Italian political elites were framing the colonial enterprise in Libya as a such, it is hard not to see the repercussions that the management of sexuality and ‘mixture’ in such context would have on the idea of an Italian national identity itself. Ultimately, the formation of Italian national identity rested on the construction of dominant subjects that conformed to standards forged along standards of masculinity, whiteness, and modernity. Leaving out the role that the management of the Libyan colonies in such process cannot but represent an incomplete analysis of the colonial roots of Italian national identity, an incompleteness that still reverberates in contemporary Italian society.

The colonization of Libya in Italian public memory

Theoretical considerations aside, a research on the management of ‘mixture’ in colonial Libya could have repercussions on the collective memory of those thirty years of colonial domination, so relatively short but also so relevant. Libya was often represented as a “white” Italian colony, where the iron fist of Fascism managed to create a segregated society and a demographic colonization designed to counteract the decades-long “big shame” of Italian emigration towards “whiter” countries. It therefore comes as no surprise that the former colony still holds this kind of representation in Italian collective memory. A quick internet search reveals that “Italian-Libyans” are still considered to be those Italians who settled to the Libyan colony after its pacification and managed to live there until Qaddafi sent them back to the peninsula as a retaliation for the colonial past.[11] This concealment of ‘mixture’ in the Libyan context, which finds its roots in the years of Fascist racial hygiene, can be explained by a politically contingent need to frame the Italian colony as impermeable to racial mixing. This representation of colonial Libya is still strong in the imaginary of Italian people, who often consider the colonial era as a marginal event in the history of the Italian nation. The creation of a strong, monolithic idea of the Italian nation through the painful process of the Italian Unification, which is still alive and well in the Italian public discourse, isn’t compatible with the processes of racial ‘mixing’ and cultural hybridizing typical of any colonial enterprise. ‘Mixture’ seems to be therefore erased from the dominant representations of Libyan colonial society, resulting in a fictitious reality where the cultural and social promiscuity inherent to any colonial setting are not even considered. Colonial Libya is still represented as a fixed, tidy and compartmentalized society that could not be further away from the reality of colonial life, where settlers and natives, defying the colonial elites’ attempts to define hierarchical systems of certainty, intermingled and lived together, married and had children.

For these reasons ‘mixture’ in Libya most definitely is an extremely relevant and understudied field of research that needs to be dealt with extensively. I will attempt to collect personal stories of ‘mixed couples’ and ‘mixed children’, stories of prostitution, concubinage, and the attempts to regulate such phenomena in the colonial Libyan context. The ambitious aim of the research is to depict a complex and understudied social reality and the effects that the regulation of ‘mixture’ had on the shaping of social categories in the contemporary Italian context. My hope is that one day, also thanks to my research, the recognition of the role that ‘mixture’ played in the definition of the idea of the Italian nation will be fully acknowledged.

[1] Italian Central State Archives. Collection “Rodolfo Graziani”, folder 11.

[2] Locher-Scholten, Elsbeth. Monogamous Marriage and Female Citizenship in the Dutch East Indies 1898-1938. In F. Dieteren & M. Grever, “En vaderland voor vrouwen.” Leeuwarden, Stichting Beheer, 2000.

[3] Stoler, Ann Laura. Carnal knowledge and imperial power: Race and the intimate in colonial rule. University of California Press. 2002.

[4] Levine, Philippa. Gender and Empire. Oxford University Press, 2004.

[5] Taraud, Christelle. La prostitution coloniale: Algérie, Tunisie, Maroc (1830-1962). Paris: Payot, 2003.

[6] Sòrgoni, Barbara. Parole e corpi: antropologia, discorso giuridico e politiche sessuali interrazziali nella colonia Eritrea: 1890-1941. Napoli, Edizioni scientifiche Italiane, 1998.

[7] Barrera, Giulia. “Colonial Affairs: Italian Men, Eritrean Women, and the Construction of Racial Hierarchies in Colonial Eritrea (1885-1941).” PhD diss., Northwestern University (Evansville, Ill.), 2002.

[8] Ponzanesi, S. 2012. ‘The Color of Love. Madamismo and Inter-racial Relationships in the Italian Colonies.’ Research in African Literatures, 43(2), pp. 155-172.

[9] Spadaro, Barbara. Una colonia italiana. Incontri, memorie e rappresentazioni tra Italia e Libia. Firenze, Le Monnier, 2013.

[10] Re, Lucia. “Italians and the Invention of Race: The Poetics and Politics of Difference in the Struggle over Libya, 1890-1913.” California Italian Studies 1, no. 1 (2010).

[11] By googling “Italian-Libyans”, it is possible to notice that the entire first page of results addresses the Italian settlers in Libya that were forced to migrate back to Italy after Qaddafi’s seize of power. See here and here.

 

 

Relazioni interraziali nella Libia coloniale. Lacune nella letteratura accademica e nella memoria pubblica

read in English

di Andrea Tarchi, Euromix ricercatore PhD, 14 gennaio 2019

Il generale Graziani guida una colonna militare nell’oasi di Cufra durante le ultime fasi della pacificazione della Cirenaica (1931, autore anonimo).

Il 17 maggio 1932, durante le fasi finali della “pacificazione” della resistenza libica al dominio coloniale italiano, il generale Rodolfo Graziani inviò una circolare per il rimpatrio di quattro soldati italiani dalla sua sede del vice-governatore della Cirenaica [uno delle tre divisioni amministrative della Libia moderna, a fianco di Tripolitania e Fezzan] a Bengasi. Nello stesso documento, il generale affronta anche un problema che a quanto pare considerava di estrema importanza:

“Questo ‘mabruchismo’ [rapporti di concubinato tra uomini italiani e donne libiche, dall’espressione araba per indicare il termine donna, mabrukah] è una delle piaghe che hanno infestato la colonia. Ci sono ancora alcune tracce di esso, o meglio ancora qualche nostalgia di esso, tuttavia ho intenzione di sradicarlo completamente. Questo perché, al di là delle considerazioni politiche (mi riferisco a tutte le speculazioni che il mondo indigeno ama fare riguardo al nostro rapporto con le loro donne), l’unico aspetto disciplinare è sufficiente per condannarlo e deprecarlo.”

Circolare 2935, 17 maggio 1932 [1]

Uno dei principali artefici delle politiche coloniali del fascismo in Cirenaica e Tripolitania, il generale Rodolfo Graziani fu senza dubbio l’uomo più fidato di Mussolini nella gestione militare delle colonie italiane. Soprannominato “il macellaio del Fezzan” a causa del suo uso della violenza nella repressione della resistenza libica, Graziani incarnava perfettamente il paradigma politico totalitario del fascismo, poiché credeva profondamente nelle strutture gerarchiche del potere del governo fascista imponendo le relative direttive in maniera spietata. Ciò che sembra così rilevante in questo breve estratto della circolare è quindi il livello di preoccupazione che una personalità così importante nella storia del colonialismo fascista attribuisca al fenomeno delle relazioni sessuali miste all’interno delle colonie libiche.

Ma quale era la reale rilevanza del fenomeno delle relazioni “miste” all’interno del mondo coloniale? Perché è così importante studiarne il ruolo all’interno del contesto libico? Questo blog cerca di rispondere a queste domande, sottolineando le ragioni che mi hanno portato ad iniziare una ricerca su questo argomento e le speranze che ho riguardo all’impatto che tale studio potrebbe avere sul mondo accademico e sul dibattito pubblico italiano relativo alla sua storia coloniale.

Gestione della sessualità interrazziale nella letteratura accademica

Lungi dall’essere un caso isolato, la gestione della sessualità nelle colonie è sempre stata uno dei principali punti di preoccupazione per le élite coloniali europee in diverse parti del mondo. La sessualità è infatti riconosciuta come il campo fondamentale in cui le differenze di genere, razza e classe sono state costruite nell’economia politica coloniale, mentre le coppie “miste” possono essere descritte come il fenomeno che confonde tali categorie, rendendo così evidente la loro costruzione. I numerosi esempi di ricerca che sono stati condotti in particolare sui contesti coloniali olandesi (Locher-Scholten[2], Stoler[3]), britannici (Levine[4]) e francesi (Taraud[5]) sul ruolo della gestione della sessualità e delle relazioni “mister”, hanno mostrato empiricamente tali fondamentali legami tra la creazione di gerarchie sociali nel nostro mondo contemporaneo e la produzione di categorie coloniali.

La rilevanza data alla regolamentazione della sessualità e delle relazioni “miste” nel contesto coloniale sembra essere riconosciuta anche dalla storiografia sul colonialismo italiano. I lavori di Sorgoni (1996[6]), Barrera (2002[7]) e in minor misura di Ponzanesi (2012[8]), incentrati sulle relazioni interrazziali nella colonia Eritrea, rappresentano importanti contributi al campo accademico in questione. Tuttavia, non vi è alcuna analisi simile fatta per le colonie libiche, le quali sembrano essere state per lo più ignorate dalla letteratura accademica in questo riguardo. Studiosi  impegnati nel campo del meticciato nelle colonie hanno suggerito che “nelle colonie libiche, apparentemente – come testimoniano i silenzi di archivi, istituzioni e osservatori contemporanei – non c’era un’ansia consistente e diffusa riguardo alle relazioni interraziali come in Eritrea e poi in Etiopia” (Spadaro 2013, 31[9]). Tuttavia, la creazione stessa di un termine specifico per il tipo di concubinato tipico delle colonie libiche (‘mabruchismo’) indica l’innegabile presenza diffusa del fenomeno. Inoltre, i forti sentimenti verso la sessualità interrazziale di un uomo come Graziani sicuramente trasmettono la presenza di almeno qualche forma di ansia da parte delle classi dominanti coloniali, un’ansia che sicuramente portò a forme di regolamentazione del fenomeno.

Coppie miste in Libia e l’identità nazionale italiana

Oltre alle già evidenti lacune nella tradizione accademica, appare necessario condurre un’approfondita ricerca sulla gestione della sessualità e delle coppie “miste” nel contesto libico per diversi altri importanti motivi. Prima di tutto, è importante analizzare come la sessualità fu gestita nella colonia al fine di svelare l’intreccio tra la costruzione di categorie coloniali e le relazioni tra la colonia e la metropoli. Questo tipo di analisi è stato condotto per le colonie italiane del Corno d’Africa, ma non per la Libia, il che implica la mancanza di un tassello fondamentale nell’analisi dell’eredità coloniale della società italiana moderna. Un’analisi della gestione delle relazioni “miste” in Libia, una che sia capace di collegarsi sia alle persone coinvolte in esse sia al modo in cui erano rappresentate nel discorso pubblico, potrebbe dare una prospettiva interdisciplinare sulla storia della dominazione italiana sul territori libici.Inoltre, scoprendo tale tessitura, sarebbe possibile aggiungere un’altra prospettiva al ruolo che la regolamentazione delle relazioni interraziali ha giocato nella costruzione di un ideale di bianchezza italiana, collegandolo ai contesti eritrei ed etiopi già studiati. Infatti, quando l’Italia invase la Libia nel 1911, l’identificazione della nazione italiana con una specifica razza si impadronì dell’immaginario collettivo in modo definitivo. Le differenze razzializzate tra il Nord e il Sud Italia che avevano afflitto la nazione Italiana durante i primi decenni della sua esistenza furono sedate sotto la politica repressiva e centralizzante dello Stato unitario. Re (2010, 10[10]) definì la guerra libica un “punto di svolta” per l’affermazione dell’identità nazionale italiana come bianca e moderna, poiché riuscì a rappresentare la prima impresa coloniale come un’espansione demografica, quasi proletaria. Poiché le élite politiche italiane stavano inquadrando l’impresa coloniale in Libia come tale, è difficile non vedere le ripercussioni che la gestione della sessualità e del meticciato in tale contesto avrebbe sull’idea stessa di un’identità nazionale italiana. In definitiva, la formazione dell’identità nazionale italiana poggiava sulla costruzione di soggetti dominanti che si conformavano a standard forgiati secondo ideali di mascolinità, bianchezza e modernità. Tralasciare il ruolo che la gestione delle colonie libiche ebbe in tale processo non può che rappresentare un’analisi incompleta delle radici coloniali dell’identità nazionale italiana, un’incompletezza che ancora risuona nella società italiana contemporanea.

La colonizzazione della Libia nella memoria pubblica italiana

Considerazioni teoriche a parte, una ricerca sulla gestione della sessualità e del meticciato nella Libia coloniale potrebbe avere ripercussioni sulla memoria collettiva di quei trent’anni di dominazione coloniale, così relativamente breve ma anche così rilevante. La Libia era spesso rappresentata come una colonia italiana “bianca”, dove il pugno di ferro del fascismo era riuscito a creare una società segregata e una colonizzazione demografica destinata a contrastare la “grande vergogna” dell’emigrazione italiana verso paesi più “bianchi” quali gli USA. Non sorprende quindi che l’ex-colonia conservi ancora questo tipo di rappresentazione nella memoria collettiva italiana. Una rapida ricerca su Internet rivela che gli “italo-libici” sono ancora considerati quegli italiani che si stabilirono nella colonia dopo la sua pacificazione e riuscirono a vivere lì fino a quando Gheddafi li rimandò nella penisola come rappresaglia per il passato coloniale[11]. Questo occultamento del meticciato e delle relazioni “miste” nel contesto libico, il quale trova le sue radici negli anni della pulizia razziale fascista, può essere spiegato da un bisogno politicamente contingente di rappresentare la colonia italiana come impermeabile alla “mescolanza” razziale. Questa rappresentazione della Libia coloniale è ancora forte nell’immaginario degli italiani, i quali considerano spesso l’era coloniale come un evento marginale nella storia della nazione italiana. La creazione di un’idea della nazione italiana forte e monolitica attraverso il doloroso processo dell’Unità d’Italia, che è ancora viva e vegeta nel discorso pubblico italiano, non è compatibile con i processi di “miscelazione” razziale e ibridazione culturale tipici di qualsiasi impresa coloniale. Le relazioni “miste” sembrano quindi essere cancellate dalle rappresentazioni dominanti della società coloniale libica, risultando in una realtà fittizia in cui la promiscuità culturale e sociale inerente a qualsiasi ambiente coloniale non è nemmeno presa in considerazione. La Libia coloniale è ancora rappresentata come una società fissa, ordinata e compartimentalizzata, rappresentazione che non potrebbe essere più lontana dalla realtà della vita coloniale, dove coloni e nativi, sfidando i tentativi delle élite coloniali di definire sistemi gerarchici di certezza, si mescolavano e vivevano insieme, si sposavano e avevano figli.Per questi motivi, la sessualità e il meticciato in Libia sono sicuramente campi di ricerca estremamente rilevanti, poco studiati e che dovrebbero essere affrontati in modo estensivo. Cercherò di raccogliere storie personali di “coppie miste” e “bambini misti”, storie di prostituzione, concubinato e tentativi di regolare tali fenomeni nel contesto coloniale libico. L’ambizioso obiettivo della ricerca è di rappresentare una realtà sociale complessa e di capire gli effetti che la regolamentazione delle coppie “miste” ha avuto sulla formazione delle categorie sociali nel contesto italiano contemporaneo. La mia speranza è che un giorno, anche grazie alla mia ricerca, il riconoscimento del ruolo che le coppie “miste” ha giocato nella definizione dell’idea della nazione italiana sarà pienamente riconosciuto.

[1] Archivio Centrale dello Stato. Collezione “Rodolfo Graziani”, busta 11.

[2] Locher-Scholten, Elsbeth. Monogamous Marriage and Female Citizenship in the Dutch East Indies 1898-1938. In F. Dieteren & M. Grever, “En vaderland voor vrouwen.” Leeuwarden, Stichting Beheer, 2000.

[3] Stoler, Ann Laura. Carnal knowledge and imperial power: Race and the intimate in colonial rule. University of California Press. 2002

[4] Levine, Philippa. Gender and Empire. Oxford University Press, 2004.

[5] Taraud, Christelle. La prostitution coloniale: Algérie, Tunisie, Maroc (1830-1962). Paris: Payot, 2003.

[6] Sòrgoni, Barbara. Parole e corpi: antropologia, discorso giuridico e politiche sessuali interrazziali nella colonia Eritrea: 1890-1941. Napoli, Edizioni scientifiche Italiane, 1998.

[7] Barrera, Giulia. “Colonial Affairs: Italian Men, Eritrean Women, and the Construction of Racial Hierarchies in Colonial Eritrea (1885-1941).” PhD diss., Northwestern University (Evansville, Ill.), 2002.

[8] Ponzanesi, S. 2012. ‘The Color of Love. Madamismo and Inter-racial Relationships in the Italian Colonies.’ Research in African Literatures, 43(2), pp. 155-172.

[9] Spadaro, Barbara. Una colonia italiana. Incontri, memorie e rappresentazioni tra Italia e Libia. Firenze, Le Monnier, 2013.

[10] Re, Lucia. “Italians and the Invention of Race: The Poetics and Politics of Difference in the Struggle over Libya, 1890-1913.” California Italian Studies 1, no. 1 (2010).

[11] Ricercando su google “italo-libici”, è possibile notare che l’intera prima pagina di risultati si rivolge ai coloni italiani in Libia che sono stati costretti a migrare di nuovo in Italia dopo il sequestro di potere di Gheddafi. Vedi qui e qui.